mappa   contatti        

Cooperazione italiana
Nel limitato quadro della cooperazione italiana in Ucraina, figurano 2 interventi di cornice multilaterale: un contributo volontario di 714.525 Euro per il programma, promosso dall’OIM, “Intervento di capacity building in favore delle istituzioni locali ucraine per il rafforzamento delle politiche migratorie e socio-educative rivolte ai bambini, alle donne, ed alle comunita’ locali”; un co-finanziamento di 400.000 Euro per il progetto UE, gestito dall’OIM, in favore di Ucraina e Moldova “Technical Cooperation and Capacity Building for the implementation of the Readmission Agreements with the European Union (GUMIRA)”. A tali iniziative, si aggiungono le attivita’ della Regione Emilia-Romagna, negli “Oblast” ucraini di Kiev e Zhytomir, nei settori dell’istruzione scolastica e della tutela dell’infanzia, e l’aggiudicazione di bandi UE: all’ISCOS (CISL), nell’ambito del programma comunitario “AENEAS”, per il potenziamento dei canali legali per l’emigrazione di lavoratori ucraini; all’ONG Reggio Terzo Mondo, per la promozione della societa’ civile, nella Regione ucraina della Zakarpathia.

Donatori Multilaterali
Le IFI che sono in contatto più stretto con l’Ucraina, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo economico del Paese, sono Banca Mondiale e BERS. Ad esse e’ da aggiungersi l’UE, attraverso gli strumenti finanziari TACIS ed ENPI (per il periodo 2007-13). Dai dati disponibili, sino al 1° agosto 2009 la BERS ha promosso in Ucraina 184 progetti, il 74% dei quali a favore del settore privato, e con un volume d’affari in accumulo di 4,1 MLD USD. Per il 2009, la BERS ha annunziato impegni per 1 MLD di Euro, di cui 500 MLN per il risanamento del sistema bancario ucraino. Dal 1992, gli impegni complessivi della Banca Mondiale ammontano a 5,8 MLD USD, per circa 39 programmi di assistenza: 12 sono i progetti correntemente attivi (per un valore di 1,2 MLD USD). Tramite l’IFC (International Finance Corporation), la Banca ha effettuato investimenti per 744 MLN USD, mentre sono state concesse garanzie, attraverso la MIGA (Multilateral Investment Guarantee Agency), per 1,2 MLD USD. Per il 2009, la Banca Mondiale ha programmato impegni per circa 1,2 MLD USD, di cui 750 MLN per il risanamento del sistema bancario ucraino, e 500 MLN di sostegno al bilancio (“budget support”). Quanto all’assistenza dell’Unione Europea, a partire dal 2007, tramite lo strumento finanziario ENPI, sono stati approvati programmi di assistenza tecnica (“twinning”) e di sostegno al bilancio (“budget support”), per promuovere riforme nei settori dell’energia, dei trasporti e dell’ambiente e delle barriere tecniche al commercio (per un valore complessivo di circa 400 MLN di Euro). Iniziative congiunte di BERS, Banca Mondiale e BEI si sono realizzate a sostegno del settore ucraino dell’energia, per favorire riforme del mercato del gas e l’ammodernamento del sistema di gasdotti.